domenica 10 aprile 2011

Aspettando Pasqua prepariamo la Pastiera

Pasqua sui avvicina e io inizio a prepare le pastiere! Di seguito vi propongo la mia ricetta tradizionale con grano cotto, ma non frullato. A chi non piace il grano può frullarlo con il minipimer prima di incorporare la ricotta.

Ingredienti per circa 12 persone (che equivale a 3 ruoti da 26 cm o 2 da 35):

Per la pasta frolla

500 gr farina
200 gr zucchero
200 gr margarina
2 uova
1 limone grattugiato
1 bustina vanillina
1 cucchiaino di lievito Pan degli Angeli

Per il ripieno
1 barattolo di grano precotto
100 ml di latte
700 gr ricotta fresca
5 uova intere +2 tuorli
600 gr zucchero
2 limoni
2 estratti di millefiori
2 estratti di arancia
canditi a piacere

Preparare la pasta frolla

Unire zucchero e margarina e lavorare finchè non diventa un composto cremoso. Aggiungere le uova, il limone grattugiato, la vanillina e un cucchiaino di lievito per dolci. In ultimo incorporare lentamente la farina. IMPORTANTE la pasta frolla va lavorata poco, altrimenti si spacca ed è da buttare!

Una volta ottenuto un impasto compatto, riponetelo in frigo una ventina di minuti.

Preparare il ripieno

In una pentola unire il grano precotto con il latte e la buccia di un limone. Mettere sul fuoco finchè il grano non si sarà ammorbidito (circa 10 minuti). Una volta pronto togliere la buccia di limone e lasciarlo raffreddare un po'.          
A parte in una ciotola lavorare con il frullino ricotta, uova (5 intere + 2 tuorli), zucchero e la buccia di un limone grattugiata. Unire il grano (per chi desidera può prima passarlo con il minipimer o un passaverdure), le boccette di millefiori e di estratto di arancia e i canditi (facoltativi).


Foderare un ruoto di alluminio con la pasta frolla, versare il ripieno e ricoprire con strisce di pasta frolla  (come si fa per le crostate).



Mettere in forno a 180° per circa 45 minuti





DA SAPERE:
Per la buona riuscita della pastiera è indipensabile usare un ruoto di alluminio. Se è la prima volta che lo usate dovete prima metterlo sul fuoco con un po' d'acqua e portarla ad ebollizione.

Nessun commento:

Posta un commento